Rubbettino Editore
Rubbettino
L'Acropoli - Rivista bimestrale diretta da Giuseppe Galasso  
Redazione: Fausto Cozzetto, Piero Craveri, Emma Giammattei, Massimo Lo Cicero, Luigi Mascilli Migliorini, Maurizio Torrini
L'Acropoli - Anno XII - n. 2 / Marzo 2011
Anno XII - n. 2 - Marzo 2011
Vai
Guida al sito
Chi siamo
Blog
Storia e dintorni
a cura di Aurelio Musi
Lettere
a cura di Emma Giammattei
Periscopio occidentale
a cura di Eugenio Capozzi
Micro e macro
a cura di Massimo Lo Cicero
Indici
Archivio
Norme Editoriali
Vendite e
abbonamenti
Informazioni e
corrispondenza
Commenti, Osservazioni e Richieste
L'Acropoli
rivista bimestrale


Direttore:
Giuseppe Galasso

Responsabile:
Fulvio Mazza

Redazione:
Fausto Cozzetto
Piero Craveri
Emma Giammattei
Massimo Lo Cicero
Luigi Mascilli Migliorini
Maurizio Torrini

Progetto grafico
del sito:
Fulvio Mazza

Collaboratrice per l'edizione online:
Rosa Ciacco


Registrazione del
Tribunale di Cosenza
n.645 del
22 febbraio 2000

Copyright:
Giuseppe Galasso
 
Cookie Policy
Editoriale
di G. G.
“Quarta Sponda” fu, come è noto, una espressione del periodo fascista per indicare l’allora colonia italiana della Libia, in aggiunta alle altre tre sponde (adriatica, tirrenica e jonica) del territorio nazionale. C’era, è vero, in ciò, un certo errore geografico. Una sua “quarta sponda”, infatti, l’Italia l’aveva già nella costa siciliana prospiciente alla Tunisia, ossia nel Canale di Sicilia. Ma l’errore contava ben poco rispetto alla icasticità della definizione di ... Continua
Saggi
di Giuseppe Galasso
Si dà il caso che futurismo e fascismo siano i fenomeni italiani che nel loro tempo – il secolo XX – hanno conseguito una maggiore diffusione mondiale. Essi, peraltro, indubbiamente configurano movimenti e idee prettamente e originalmente italiane. Non è un caso che il ... Continua
Saggi
di Arrigo Levi
La storia dell’unificazione europea è una lunga storia. Una lunga storia, che procede in realtà attraverso un succedersi di crisi, ossia di scelte difficili, anche di conflitti fra governi gelosi della propria sovranità e i crescenti poteri soprannazionali, (voluti peraltro ... Continua
Interventi
di Giuseppe Galasso
EUROPA: DAL PROCESSO ALLA RETROCESSIONE - L’esilio della storia, e, più ancora, della storicità, dal panorama delle convinzioni correnti in Europa e fra gli europei è finito o dà segno di avviarsi alla fine? La domanda nasce dal constatare un certo attenuarsi di quel “processo ... Continua
Ricorrenze
di Giuseppe Galasso
L’iniziativa del Comune di Napoli per il cinquantenario dell’unificazione italiana fu nel 1911 uno dei molti segni del successo che si riconosceva nel Risorgimento e nell’unità nazionale. Se ne ebbero manifestazioni di grande rilievo in tutta Italia. A cominciare, intanto, dalla inaugurazione, a Roma, del Vittoriano, il grande monumento che il re Vittorio Emanuele III volle dedicare alla ... Continua
Interventi
di Aurelio Musi
1. Ci stiamo avvicinando alla fatidica data del centocinquantenario dell’unificazione italiana nel peggiore dei modi: lacerazioni e contrasti sul giorno di festa; rimozione, da parte soprattutto di esponenti politici del Nord, del sentimento “pubblico” di appartenenza nazionale ... Continua
Ricorrenze
di Emma Giammattei
Il raro catalogo della Mostra di ricordi storici del Risorgimento Meridionale d’Italia ritorna, dopo cento anni, in una edizione anastatica a cura di chi scrive, voluta dalla medesima istituzione, il Comune di Napoli, che promosse quella Mostra, inaugurata il 25 maggio ... Continua
Ricerche
di Rossana Sicilia
1. L’etica di un togato Il privilegio indirizzato al togato Antonio de Montalto, con il quale Ferrante d’Aragona lo nomina reggente della Vicaria, il 4 settembre 1483, appare come il decalogo del buon amministratore. In esso il sovrano delinea le regole del comportamento, i compiti e le attenzioni che il togato deve portare durante lo svolgimento della sua funzione nel rispetto del ... Continua
Documenti
di Fausto Cozzetto
1. Il primo ventennio dell’Animi L’Associazione Nazionale per gli Interessi Morali ed Economici del Mezzogiorno d’Italia (Animi) iniziò la sua attività nel febbraio del 1910 in una baracca a Villa San Giovanni. Trasferita a Reggio e diffusasi nel Mezzogiorno, a Roma ... Continua
Realizzazione a cura di: VinSoft di Coopyleft