Rubbettino Editore
Rubbettino
_TORNA  
Vai
Archivio
Eventi
Storia e dintorni
a cura di Aurelio Musi
Lettere
a cura di Emma Giammattei
Periscopio occidentale
a cura di Eugenio Capozzi
Micro e macro
a cura di Massimo Lo Cicero
 
Cookie Policy
  Sei in »» Blog » Micro e macro

Micro e macro

a cura di Massimo Lo Cicero

 
12
Set
Napoli ed il Mezzogiorno
Entrambi catturati dal dualismo italiano

Cosa vede lo sguardo di chi si sofferma nel suo immaginario su Napoli? La comunicazione con l’altro è difficile da rendere comunicante, ed infatti si cerca di comprendere chi guarda e chi cerca di descrivere se stesso. Secondo Francesco Durante bisogna far notare “a chi ritiene che sia un poco troppo corrivo e contribuisca a diffondere nel mondo la più consumata cartolina di Napoli ... (continua)

pubblicato: Martedì 12 Settembre 2017 alle 12:13
 
29
Lug
Il Dossier Svimez 2016/2017
Mezzogiorno, Campania e rincorsa verso la crescita; Creare la convergenza e la coesione tra il Mezzogiorno ed il resto del paese se vogliamo davvero restare in Europa.

L’Associazione per lo Sviluppo dell’Industria nel Mezzogiorno (la Svimez) ha reso noti  i caratteri dell’economia e della società nel Mezzogiorno, rispetto all’Italia ed all’Unione Europea del 2016. L’anno in questione si presenta con una terna di situazioni contraddittorie. In primo luogo si nota una ripresa interessante nel Mezzogiorno ma quella ripresa, che ... (continua)

pubblicato: Sabato 29 Luglio 2017 alle 19:20
 
22
Lug
La Fondazione Banco di Napoli
Una lunga storia infinita ed una indeterminata circostanza attuale, da riorganizzare!

  C’è una accelerazione nelle vicende della Fondazione Banco di Napoli sulle pagine dei quotidiani negli ultimi mesi: con un crescendo notevole ed un aumento della irreversibilità che potrebbe, tra breve, far precipitare la situazione. Che cosa è la Fondazione Banco di Napoli? Una delle Fondazioni che, secondo la legge Carli – Amato, nel 1990 trasformò le banche pubbliche italiane in ... (continua)

pubblicato: Sabato 22 Luglio 2017 alle 12:55
 
25
Mag

Alcuni amici, napoletani e baresi, di Giuseppe Galasso lo avevano sollecitato a raccogliere i molti articoli che ha scritto sul Corriere del Mezzogiorno: dal 2002 al 2015. Secondo Galasso l’idea sembrava singolare ed eccessiva. Ma gli amici, in particolare Ruggero Messere e Riccardo Scarselli, incalzano e per il professore “la partecipe convinzione dei miei amici ebbe la meglio sule mie non lievi perplessità”. ... (continua)

pubblicato: Giovedì 25 Maggio 2017 alle 11:30
 
14
Mag
Perché il Mezzogiorno deve cambiare passo e direzione
Inclusione e Crescita: le parole chiave

Nel mese di maggio ci sono tre tappe del G7: a Bari, a Matera, ed in Sicilia, a Taormina. Iniziative e meeting per ospitare i prime sette stati del pianeta ed i loro Governanti sono state organizzate. Ma sono rimaste al palo due Regioni importanti del Mezzogiorno: Calabria e Campania. Entrambe si affacciano sulla costa di ponente. La prima è in pessime condizioni, economiche e sociali, la seconda, la Campania è ... (continua)

pubblicato: Domenica 14 Maggio 2017 alle 12:03
 
28
Apr

Dal 1917 al 2017 ci sono cento anni della Confindustria napoletana. E nell’anno del centenario i luoghi di una città, che è diventata una metropoli di oltre tre milioni di persone, sono gli estremi tra levante e ponente. Napoli è una città che nei secoli si è allineata lungo la costa, tra la terra ed il mare; i due estremi di questo sviluppo lineare, in febbraio, erano a levante: in una nuova ... (continua)

pubblicato: Venerdì 28 Aprile 2017 alle 12:21
 
18
Apr
Costruire le condizioni per una metropoli napoletana
Renzi e De Magistris: attenzione ai passi falsi. Bagnoli, impariamo dai fallimenti del passato

Correva l'anno 2014 ed era il 6 novembre: questo testo è stato pubblicato sul quotidiano di Napoli, Il Mattino, proprio il 6 novembre. Purtroppo non si vedono i risultati, almeno iniziali, di questa costruzione della Napoli Metropolitana. Dagli anni novanta in poi la strategia urbanistica, e la voglia di ricostruire le basi di una crescita, capace di allargare lo sviluppo non  riescono a decollare: nè dal basso, ... (continua)

pubblicato: Martedì 18 Aprile 2017 alle 13:32
 
26
Mar
Che cosa sa fare l’Italia? La nostra economia dopo una lunga crisi pluridecennale
UNA RECENSIONE DEL VOLUME PUBBLICATO DA ANNA GIUNTA E SALVATORE ROSSI

Anna Giunta è una professoressa di economia e Salvatore Rossi è il Direttore Generale della Banca d’Italia. Insieme hanno scritto un libro intrigante e non convenzionale. Pubblicato da Laterza. Il libro racconta l’ascesa ed il declino, dal Rinascimento alla lunga e snervante stagnazione che arriva dal 2008 ai nostri giorni sulla scena mondiale, ed in particolare sull’Europa ... (continua)

pubblicato: Domenica 26 Marzo 2017 alle 19:56
 
10
Mar
Le persone e le città
Il tempo ed i comportamenti convivono nella comunità urbana tra armonie e conflitti

Le città sono macchine complicate: sono la base materiale degli strumenti che devono utilizzare le persone, quando vivono nelle città. Ma le persone vivono un tempo limitato mentre le città si trasformano e rimangono, diverse e simili, per certi versi. Millenni e secoli servono a misurare il tempo storico della città. Comportamenti, razionalità e confusione, ricchezze e miserie sono, invece, la ... (continua)

pubblicato: Venerdì 10 Marzo 2017 alle 14:47
 
09
Mar
La divergenza tra le due Italie.
Perché il Mezzogiorno si allontana dal centro nord ed il centro nord si chiude in un becero egoismo locale. Serve una nuova coscienza nazionale per supportare lo sviluppo del nostro paese.

Le dimensioni, del reddito e della spesa, negli ultimi tre anni sono la testimonianza, in Italia, di un sistema economico che si disintegra progressivamente. Dopo la crisi finanziaria, lo abbiamo capito, si è aperta una stagione recessiva ma gli effetti si distribuiscono in maniera asimmetrica tra le due parti del paese. Nel Centro Nord, il reddito pro capite – cioè la remunerazione che rappresenta il valore del prodotto ... (continua)

pubblicato: Giovedì 09 Marzo 2017 alle 11:40
 
23
Feb
Bagnoli e la sua storia infinita.
Dal novecento di Nitti alla crisi del 2008 che travolge il Mezzogiorno. Dal Governo Renzi al Governo Gentiloni : da febbraio 2014 a febbraio del 2017

La storia infinita di Bagnoli affonda i primi passi all’inizio del novecento: con la nascita dell’Ilva. Ma, la chiusura degli impianti, inverte la presenza dell’industria rispetto al paesaggio urbano nel 1992. Nasce, molto più tardi, BagnoliFutura, una società per la trasformazione urbana (STU). Il 24 aprile 2002 nasce una società che opera il passaggio di consegne: "BagnoliFutura s.p.a. ... (continua)

pubblicato: Giovedì 23 Febbraio 2017 alle 12:19
 
17
Feb

Trent’anni prima di ora, quando non c’era ancora il terzo millennio, e neanche l’euro, un amico francese che, dopo molti anni tornava a Parigi, mi congedò con una strana metafora su Napoli. Questa città ha una forza singolare, ti spinge con il vento in poppa, ma cambia spesso direzione il vento, mentre se provi a nuotare contro le onde ti lascia immediatamente affogare. Allora pensavo che il mio ... (continua)

pubblicato: Venerdì 17 Febbraio 2017 alle 17:44
 
09
Feb
Saliscendi dal 1917 al 2017: il centenario dell’associazione degli industriali e la storia dei cento anni in gioco
Questa è la vicenda di un secolo singolare, il novecento, che ridimensiona progressivamente la questione italiana: economica e politica, simul stabunt simul cadent. Ma è anche la storia di un centenario.

Nel 1884 Napoli riuscì a scatenare una epidemia di colera. Ma dal 1885 al 1917, la capitale perduta diventa una vera e propria metropoli europea: sul confine del rapporto tra l’Europa e la sponda sud del mediterraneo. Sono anni in cui si riorganizza la struttura urbana, arrivano industrie meccaniche, la riorganizzazione urbana accende le reti di trasporto, tranviarie, l’illuminazione delle strade, ... (continua)

pubblicato: Giovedì 09 Febbraio 2017 alle 17:17

Archivio Micro e macro

Realizzazione a cura di: VinSoft di Coopyleft